Prevenzione


Come difendersi da truffe, raggiri e persone malintenzionate

 

Questa sezione informativa è stata realizzata sulla base di progetti sviluppati da Corpi di polizia comunali, cantonali e anche della vicina Italia. L’obiettivo comune è alzare il livello di guardia di tutti per prevenire le truffe, e comunicare a chi subisce una truffa o un furto che non è solo, ma ha le istituzioni al suo fianco. Denunciare furti o truffe è fondamentale, affinché le forze dell’ordine possano indagare al meglio per scoprire ed arrestare i colpevoli.
 

I casi di truffe e violenze alle persone anziane sono frequenti: l’età, la solitudine e la buona fede, rappresentano elementi che le rendono più vulnerabili ai raggiri.
Ecco alcuni consigli per vivere con maggior sicurezza in casa e fuori casa.

 

Collaborare con le forze dell’ordine

Tutte le testimonianze sono indispensabili per l’identificazione, la denuncia e l’arresto dei delinquenti. La polizia inizia spesso le indagini sulla base dei dati forniti dai testimoni e dalle vittime del crimine.
A tale proposito:
 

  • Tenere sempre un inventario aggiornato dei documenti importanti (di identificazione, di proprietà, ecc.) e dei beni posseduti, con la specificazione degli oggetti più preziosi e più appetibili per i ladri.
  • Al minimo sospetto, contattare immediatamente il 117 e la Polizia comunale: arriveranno in tuo aiuto con il materiale necessario.
  • Comunicare sempre ogni fatto denunciabile, anche se può sembrare inutile o di scarsa rilevanza.
  • Se si assistite ad un episodio che richiede l’intervento delle forze dell’ordine non allontanarsi: ogni contributo può essere prezioso.
  • Quanto più precise saranno le informazioni e la descrizione dei fatti, tanto maggiore sarà la possibilità di identificare i responsabili e di impedire che nuovi reati vengano commessi.

 

Regole in casa

 

  • Non aprire la porta a persone sconosciute.
  • Ricordarsi sempre di chiudere a chiave la porta di casa anche quando si è all'interno.
  • Diffidare da chi insiste di voler entrare in casa.
  • Non esitare a chiedere nominativi e tesserini di riconoscimento. Chiedere i numeri di telefono dell’ente per cui lavorano le persone che vogliono entrare in casa.
  • La divisa non è sinonimo di sicurezza: spesso le truffe vengono perpetrate da persone che si presentano in divisa.
  • Fare in modo che comunicazioni o messaggi vengano depositati nella bucalettere.
  • Non tenere al proprio domicilio ingenti somme di denaro. Se necessario, dividere e nascondetere i soldi in più posti.

 

Regole fuori casa

 

  • Non soffermarsi con persone che dichiarano di conoscervi.
  • Spesso i truffatori cercano di attirare l'attenzione parlando di parenti o altri fatti in comune. Non rispondere ed allontanarsi.
  • Prestare attenzione a chi si avvicina troppo o urta di proposito.
  • Evitare le persone che vogliono aiutare con troppa insistenza, quando non espressamente richiesto.
  • Non fornire numeri telefonici, codici o dati sensibili di altro genere.
  • Se si ha l'impressione di essere seguiti, entrare in un negozio o qualsiasi altro luogo pubblico ed informare le persone presenti, spiegando la situazione. 

Polizia Ceresio Sud
Via delle Scuole 23
6900 Paradiso

T +41 91 994 24 65
F +41 91 985 04 06
regio3@poliziaceresiosud.ch

   

Image

 

 

 

Gianluca Braga
T +41 91 640 10 72
F +41 91 640 10 82
uti@melide.ch

 

Image

- Polizia cantonale 117

- Pompieri 118

- Ambulanza 144

- Pompieri Melide T +41 91 649 75 55